Ai Giardini Montanelli inaugurato il parco giochi accessibile a tutti i bambini
Ai Giardini Montanelli inaugurato il parco giochi accessibile a tutti i bambini

Tutte le notizie

Verde

Ai Giardini Montanelli inaugurato il parco giochi accessibile a tutti i bambini

L’intervento, promosso dalla nascente Fondazione di Comunità Milano e dal Comune, è il primo del progetto “Parchi gioco per tutti” per realizzare aree accessibili nei parchi dei nove municipi

montanelli_parco_giochi_accessibile

Milano, 21 aprile 2018 – Una grande festa aperta a tutti i bambini ha inaugurato questa mattina la nuova area giochi accessibile ai Giardini Montanelli. L’intervento è il primo del progetto "Parchi gioco per tutti" -  promosso dalla nascente Fondazione di Comunità Milano, da Fondazione Cariplo e dal Comune di Milano - che si propone di realizzare aree attrezzate che consentano ai bambini con e senza disabilità di giocare insieme grazie a giochi accessibili e senza barriere nei parchi pubblici dei nove municipi della città.

La scelta dei Giardini Montanelli come intervento pilota è stata condivisa dal Comune, dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo e ha raccolto il parere favorevole della Sovrintendenza e del Consiglio del Municipio 1. È stato compiuto in tempi brevi grazie all'intervento dell’assessorato al Verde, che ha realizzato i lavori di riqualificazione e di ampliamento dello spazio giochi, e alla collaborazione con le Associazioni delegate al Tavolo permanente per la disabilità e alla delegata del Sindaco per le Politiche sull’accessibilità, Lisa Noja.

“Tutte le città – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – dovrebbero avere parchi giochi accessibili e sicuri per tutti i bambini. Non si tratta solo di creare luoghi belli dove i più piccoli possono divertirsi insieme, senza mai pensare di essere esclusi, ma di far crescere una città nuova dove si vive, si usano i mezzi pubblici, si va a scuola, si lavora e si può giocare in condizioni di parità con tutti. Prima che una trasformazione architettonica è una rivoluzione culturale che a Milano è già iniziata, che al sito di Expo 2015 abbiamo reso evidente e che intendiamo portare avanti con decisione su tutta la città. Bene quindi il progetto dei parchi gioco realizzati grazie a Fondazione Cariplo e alla nascente Fondazione Comunità Milano che si aggiungeranno al parco Formentano dove qualche anno fa abbiamo dimostrato come sia semplice cambiare per il meglio”.

montanelli_parco_giochi_accessibile

"La prima condizione per cui le persone possono stare insieme e creare relazioni solidali è che ci siano luoghi accessibili a tutti – ribadisce il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti - il progetto che presentiamo si impegna a rendere accessibili i parchi gioco dei giardini pubblici ed a  creare spazi d’incontro e socializzazione pensati per i  bambini e le famiglie milanesi.  Lo avviamo ancor prima di rendere ufficiale la nascita della fondazione comunitaria di Milano, che sarà un motore filantropico per la città, che con il contributo di tutti: attori pubblici, privati e cittadini agevolerà la realizzazione di progetti concreti per migliorare il benessere e la qualità della vita della nostra comunità. Animare le comunità, sostenerle, valorizzare le energie presenti, creare  occasioni per crescere insieme. Questo è il ruolo di una fondazione di comunità". 

L’intervento è stato svolto su un’area giochi che già disponeva di strutture che sono integrate ampliando lo spazio a disposizione con la pavimentazione anti-trauma colorata per un totale di  570 mq: oggi i tutti i bambini possono divertirsi con diverse strutture: Basket Young, Pannello Goal, Pencil, Shawn, Shop, un gioco Carosello, una casetta Multi Xc03 e due nuove altalene.

Attrezzare l’area giochi con questa attenzione all’accessibilità è stato possibile grazie alla raccolta fondi promossa dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo. I nuovi giochi sono infatti il frutto di un gesto di solidarietà di privati cittadini, di imprese ed enti che hanno condiviso le finalità del progetto ed hanno permesso di acquistarli e di donarli alla comunità.

Il progetto si è avvalso inoltre delle competenze pedagogiche dell’associazione “L’abilità”, del  contributo specialistico di UILDM Milano (Unione italiana lotta alla distrofia muscolare) e del confronto con le esperienze di Disabili no limits e di Inter campus per le caratteristiche ludiche ed ergonomiche. I criteri utilizzati nella scelta dei giochi, da un lato, hanno verificato l’accessibilità ai bambini con disabilità motoria e intellettiva, dall’altro hanno assicurato che favorissero l’incontro e il gioco tra i bambini con e senza disabilità.

Il dialogo con l’associazione AGIAMO, Amici dei Giardini Montanelli, ha permesso ai partner del progetto di conoscere il parco e le modalità di fruizione dell’area giochi.

Ma l'iniziativa non si ferma al solo intervento strutturale, prevede infatti un’attività educativa rivolta alle bambine e ai bambini delle classi dalla prima alla terza della Scuola Primaria di promo grado, svolta in collaborazione con le associazioni L’abilità e UILDM Milano. Il primo intervento sarà avviato nell’anno scolastico 2018/2019 nelle 13 scuole del Municipio 1; oltre agli alunni saranno coinvolti i loro insegnanti e genitori con laboratori dedicati al tema del gioco e della diversità.

Dopo la presentazione alla stampa e il simbolico taglio del nastro con le autorità, la giornata di oggi ha visto tantissimi bambini sperimentare e condividere i nuovi giochi guidati dagli educatori di Amamente. Sono inoltre state proposte una serie di attività: il laboratorio orchestrale classico-sinfonico dell’orchestra AllegroModerato, la Dragon Goal con gli allenatori internazionali di Inter Campus, lo spettacolo Moon Afternoon con gli attori di Amamente,  le magiche bolle di sapone con BillyBolla.