Musica. L’orchestra Verdi festeggia i 25 anni con un tour nei nove municipi
Musica. L’orchestra Verdi festeggia i 25 anni con un tour nei nove municipi

Tutte le notizie

Musica

L’orchestra Verdi festeggia i 25 anni con un tour nei nove municipi

La stagione 2018/2019, realizzata in collaborazione con il Comune di Milano, si apre domenica a Palazzo Reale

25anni_orchestra_verdi_municipi

Milano, 4 ottobre 2018 – Nella stagione del venticinquennale dell’orchestra sinfonica, laVerdi propone un programma di altissimo livello qualitativo che prende il via domenica 7 ottobre con il concerto nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale e si conclude a maggio 2019, portando la musica in tutte le nove zone della città grazie ad un progetto messo a punto in collaborazione con il Comune di Milano.

Saranno impegnate in questo tour le varie compagini de laVerdi, quindi non solo l’orchestra sinfonica, ma anche la Barocca, il Coro di voci bianche, il Coro degli stonati, e le formazioni solistiche de laVerdi. Le proposte sono state studiate anche per appassionare un pubblico non abituato alle sale da concerto, con un repertorio che va dalle più celebri arie d’opera alle colonne sonore di film e cartoni animati, dalle carole natalizie ai capolavori di Vivaldi o Beethoven.

"La stagione 2018-2019 si annuncia come un percorso in note da seguire lungo i mesi nei diversi municipi della città - commenta l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno - Partendo dal cuore di Milano, e precisamente dalla Sala delle Cariatidi che affaccia su piazza del Duomo, il programma dell'orchestra Verdi ci accompagnerà infatti in un lungo tour nei diversi quartieri per portare la musica direttamente 'in casa' dei milanesi: un bellissimo modo per festeggiare i 25 anni di attività dell'orchestra".

Un concerto in auditorium. Foto di Paolo Dalprato

Un progetto che Ruben Jais, direttore artistico e direttore esecutivo de laVerdi così riassume: “Un quarto di secolo insieme ai milanesi: quest’anno laVerdi festeggia i suoi primi 25 anni di attività e desidera celebrare questo importante traguardo insieme alla città che le ha reso possibile nascere e crescere. Milano ed i suoi 9 municipi: realtà poliedrica e diversificata cui la Fondazione ha voluto dedicare in questa importante stagione concerti, conferenze, attività didattiche legate ai plurimi luoghi che i municipi hanno selezionato per ospitare le proposte della Fondazione stessa. Tutte le compagini artistiche de laVerdi parteciperanno agli eventi per ringraziare i propri concittadini del sostegno ricevuto in questi anni, soprattutto nei momenti di maggior difficoltà economica nella crescita della Fondazione,  e per portare la forza della musica anche in luoghi che raramente possono godere di questa arte: valorizzare le periferie, ‘usare’ la musica come strumento di comunicazione e rivalutazione sociale per coinvolgere anche coloro che più raramente possono avvicinarsi a quest’espressione artistica. Il ringraziamento dovuto al Comune di Milano ai suoi assessori, ai presidenti ed assessori dei municipi che hanno mostrato grande sostegno per questa iniziativa".

Un progetto che Ruben Jais, direttore artistico e direttore esecutivo de laVerdi così riassume: “Un quarto di secolo insieme ai milanesi: quest’anno laVerdi festeggia i suoi primi 25 anni di attività e desidera celebrare questo importante traguardo insieme alla città che le ha reso possibile nascere e crescere. Milano ed i suoi 9 municipi: realtà poliedrica e diversificata cui la Fondazione ha voluto dedicare in questa importante stagione concerti, conferenze, attività didattiche legate ai plurimi luoghi che i municipi hanno selezionato per ospitare le proposte della Fondazione stessa. Tutte le compagini artistiche de laVerdi parteciperanno agli eventi per ringraziare i propri concittadini del sostegno ricevuto in questi anni, soprattutto nei momenti di maggior difficoltà economica nella crescita della Fondazione,  e per portare la forza della musica anche in luoghi che raramente possono godere di questa arte: valorizzare le periferie, ‘usare’ la musica come strumento di comunicazione e rivalutazione sociale per coinvolgere anche coloro che più raramente possono avvicinarsi a quest’espressione artistica. Il ringraziamento dovuto al Comune di Milano ai suoi assessori, ai presidenti ed assessori dei municipi che hanno mostrato grande sostegno per questa iniziativa".